The 5 Market Segments you should know about Fashion System

Today we are introducing the concept of Fashion Market Segmentation.

The fashion market structure is a fundamental element you have to know in order to understand all the economic phenomena that revolve around this sector and that help us understand how it works; in this way you will be able to recognize to witch segment/category a certain brand belongs to, so you’ll find out what types of business models it adopts.

You can imagine the fashion market segmentation like a pyramid, dvided according to a key criterion: the price.

The highest point of the pyramid is associated with the highest price range.

The fashion pyramid has five market segments:

– Haute Couture

– Ready-to-wear

– Diffusion

– Bridge 

– Mass Market

Let’s start analyzing the top of the pyramid: Haute Couture.

This segment encloses high fashion companies, technically “Luxury Brands”.

This is the most coveted segment by everyone: who wouldn’t want a Dior dress? I would, definetly.

As you can imagine, they are the most expensive brands ever and only few people on earth can afford their products. So a question arises: if there are few customers, why should a brand produce a 50.000 euro dress?

That’s the answer: to sell the dream, the magic, to build the so-called brand image.

Yes, because just by looking at these wonderful outifts on the catwalk, on a magazine, on the red carpet of Met Gala, you will want to be part of that magic, that dream brand.

But how can you feel part of this if you can’t afford their haute couture products?

Easy, you can do it buying products of the same brand that have a much lower price: cosmetics, accessories, perfumes.

This is the flow that the brand aims to acquire. Small business, big impact.

Let’s move on to the second category, that of Ready To Wear (Prêt-à-porter if you are french), which includes Designer Brands.

Ready To Wear is the fashion field where clothes are not tailored to the customer, unlike Haute Couture, because they are ready to wear literally.

It was born in the early days of the Industrial Revolution when companies decided to combine the luxury of Haute Couture with the praticality of industrialized products; ther is a shift from artisan tailoring to textile industrialization.

For this reason the price range decreases slightly, because there are no more “unique garments”. The right compromise is reached between creativity and accesibility, however the “made in” element still remains a fundamental factor as well as an indicator of quality.

Another important difference with Haute Coutoure is that Ready to Wear garments are much more wearable, they are perfect for a daily use and not only for special occasion, so also the selling margin increases: If market range increase, profits increase as well.

Moving forward to the 80s we can see the birth of the third sector, the “Diffusion”, strongly wanted bu Italy and the United States to increase profits, thanks to much more affordable prices.

How do companies fit in this field? By creating Second Young Lines. You can think about Versus for Versace, Marc Jacobs for Chloè, D&G for Dolce&Gabbana.

In this case, the country of origin is not a success factor, in fact the production is outsourced and this allows to apply an important cut in production costs, wich in turn make possible the decrease of the final price.

Another very interesting area is the “Brige” segment, wich indicates a link between the highest point (high fashion) and the lower point of the fashion pyramid. (mass market).

It was born in the United States, exactly in Department Stores, that are different areas within the same store specialized in the selling of certain product categories.

This type of store has profondly changed shopping habits and the definition of luxury; sales volumes are bigger, prodcuts are trendy, prices are more competitive but less cheap than the mass market.

An exponential success that caused the spreading of this kind of approuch all over the world (you can think about La Fayette in Paris or Macy’s in NYC).

La Fayette, Paris.

Finally we arrive at the base of the pyramid, the Mass Market segment, wich is also the newest as well as loved and revered by millennials. It was born around the nineteenth century but real success erupted in the twentieth century. We are talking about giants like Inditex, H&M, Primark, etc.

The watchword for mass market success is EFFICIENCY: low production cost, low prices for the final customer.

The fundamental feature of the mass market is mass production, in fact, the production volumes are huge, fabrics are made from cheap materials and production techniques are basics.

The garments are combined creatively to produce an affordable fashion: everyone can be glamorous, no one is excluded.

It’s due to Mass Market that we have the phenomenon of Fast Fashion.

The collections are continous, you can find new pieces mainly every week; and for this reason they are able to adapt to the trends of the moment at an impressive speed.

All these elements have decreed the success of this brands, a formula that has allowed to achieve exorbitant profits; a concept not shared by everyone, there are those who love it and those who hate it, but it is to be admitted that is has definitely changed the rules of fashion.

And you? What do you think? Wich segment do you prefer most? Tell me in the comments below :).

ITALIAN

Oggi introduciamo il concetto di Fashion Market Segmentation.

La struttura del fashion market è un elemento basilare da conoscere per comprendere tutti i fenomeni economici che ruotano intorno a questo settore che ci aiutano a capire come funziona; comprenderla significa essere in grado di riconoscere a quale segmento/categoria appartiene un certo brand e di conseguenza scoprire quale tipo di business model adotta.

Potete immaginare la market segmentation come un piramide, suddivisa in base ad un criterio chiave: il prezzo.

Il posto più alto della piramide è associato alla fascia di prezzo più alta.

Questa piramide della moda è composta da 5 segmenti:

– Haute Couture

– Ready-to-wear

– Diffusion

– Bridge 

– Mass Market

Iniziamo ad analizzare il punto più alto della piramide: l’Haute Couture.

Questo comprende aziende di high fashion, in termini tecnici i “luxury brands”.

E’ il segmento più ambito da tutti i comuni mortali: chi non vorrebbe un abito Dior?

Io sì sicuramente.

Come potete immaginare, sono i brand più costosi in assoluto e sono poche le persone sulla terra che possono permettersi di acquistare i loro prodotti. Quindi una domanda sorge spontanea: se ci sono pochi clienti, perché un brand dovrebbe produrre un abito da 50.000 euro?

La risposta è questa: per vendere il sogno, la magia, per costruire la cosiddetta brand image.

Si perché solo guardando questi abiti meravigliosi sulla passerella, su una rivista, sul red carpet del Met Gala, vi verrà voglia di far parte di quella magia, di quel brand da sogno.

Ma in che modo potete sentirvi parte di questo se non potete permettervi di acquistare i loro prodotti haute couture?

Semplice, acquistando prodotti dello stesso brand che hanno un prezzo molto molto più basso: cosmetici, accessori, profumi. E’ questo l’indotto che il brand punta ad acquisire. Small business, big impact.

Passiamo alla seconda caterogia, quella del Ready To Wear (Prêt-à-porter se sei francese) che comprende i Designer Brands.

Il Ready To Wear è il campo della moda dove gli abiti non sono su misura del cliente a differenza dell’Haute Couture ma sono già pronti da indossare (ready to wear appunto).

Esso nasce agli albori della rivoluzione industriale quando le aziende decisero di combinare il lusso dell’alta moda con la praticità di prodotti industrializzati: c’è un passaggio dalla sartoria artigianale all’industrializzazione tessile.

Per questo motivo la fascia di prezzo diminuisce leggermente, perché non ci sono più “capi unici”. Si raggiunge il giusto compromesso tra creatività ed accessibilità, dove però l’elemento “made in” resta un fattore fondamentale nonché indice di qualità.

Altra differenza importante con l’Haute Couture è che i capi Ready To Wear sono molto più portabili, si prestano ad un uso quotidiano e non solo ad occasioni speciali, dunque anche il margine di vendita aumenta: If market range increase, profits increase as well.

Andando avanti verso gli anni 80 ci imbattiamo nella nascita del terzo settore, quello “Diffusion”, fortemente voluto da Italia e Stati Uniti per incrementare i profitti, grazie a prezzi molto più accessibili.

In che modo le aziende si collocano in questo settore? Creando second young lines.

Pensate a Versus per Versace, Marc Jacobs for Chloè, D&G for Dolce&Gabbana. Qui il paese di origine non è un fattore di successo, infatti la produzione è esternalizzata e questo consente di applicare un netto taglio sui costi produttivi che a loro volta rendono possibile il decremento del prezzo finale.

Un altro settore molto interessante è il segmento “Bridge”, che indica appunto un ponte, un collegamento tra il punto più alto (high fashion) e quello più basso della piramide (mass market).

Esso nasce negli Stati Uniti, esattamente nei Department Stores, che sono diverse aree all’interno di uno stesso store specializzate nella vendita di determinate categorie di prodotti.

Questo tipo di store ha profondamente cambiato le abitudini di acquisto e la definizione del lusso; i volumi di vendita sono notevoli, i prodotti sono trendy, i prezzi più competitivi dell’high fashion ma meno cheap rispetto al mass market.

Un successo esponenziale che ha comportato la diffusione di questo tipo di approccio in tutto il mondo, pensate a La Fayette a Parigi o a Macy’s a NYC.

Infine giungiamo alla base della piramide, il segmento Mass Market, che è anche quello di costruzione più recente nonché amato e venerato da millennials e non solo. Nasce intorno al diciannovesimo secolo ma decolla definitivamente nel ventesimo secolo.

Stiamo parlando di colossi come Inditex, H&M, Primark, ecc.

La parola d’ordine per il successo del mass market è EFFICIENZA: costi di produzione bassi, prezzi bassi per il consumatore finale.

La caratteristica fondamentale del mass market è la produzione di massa, infatti, i volumi produttivi sono enormi, i tessuti sono realizzati con materiali economici e le tecniche di produzioni sono semplici.

I capi vengono combinati in modo creativo per produrre una moda a prezzi accessibili: tutti possono essere glamour, nessuno è escluso.

E’ al Mass Market che dobbiamo (purtroppo o per fortuna) il fenomeno del Fast Fashion.

Le collezioni sono continue, potete trovare capi nuovi ogni settimana, e per questo motivo sono in grado di adattarsi ai trend del momento ad una velocità impressionante. Tutti questi elementi hanno decretato il successo di questo settore, una formula che ha permesso di raggiungere profitti esorbitanti; un concept non condiviso da tutti, c’è chi lo ama e chi lo odia, ma c’è da ammettere che ha sicuramente stravolto le regole della moda.

E tu cosa ne pensi? Qual è il segmento che ti appassiona di più? Dimmelo nei commenti! 🙂

Does Fashion mean Luxury?

First of all, congratulations! You are reading the first article on the blog, thank you!

I want to start from the botton of the fashion concept:

– What is Fashion?

– What is Luxury?

– Does Fashion mean Luxury?

Imagine you are facing a job interview and the recruiter ask you this 3 question: how do you answer?

I personally associated the concept of fashion with that of “trend” and the concept of luxury with that of “expensive”, but it’s not true at all.

You can associate the concept of fashion with your personal opinion but it’s not the same for luxury.

Fashion can be defined as a way to show who you are, the ability to create trends other people could follow or you could define is as a way to feel yourself.

Someone could define it from an economic perspective, life a huge business made by a lot of players and complex mechanisms. And everyone could be right.

Luxury is a different concept.

It is usually associated with price: “high price, high quality”. But it is more than an economic issue, in fact luxury has a lot to do with exclusivity, selectivity, something everybody want.

We all agree that luxury it’s not a necessity, it’s more about satisfying the need of comfort.

Unlike fashion, luxury is something that last, a timeless experience.

So even if this two concepts may be confused, actually they are two separate worlds, that surely walk togheter.

And you? How can you answer this questions?

If you enjoyed the article, leave a comment below and share:).

Francesca

“Some people think luxury is the opposite of poverty.

It is not. It is the opposite of vulgarity.”

Coco Chanel

ITALIANO

Moda significa Lusso?

Prima di tutto, congratulazioni! Stai leggendo il primo post del blog, grazie!

Voglio partire dalla base del concetto di Fashion:

– Cos’è la Moda?

– Cos’è il Lusso?

Moda significa Lusso?

Immagina di stare affrontando un colloquio di lavoro e il recruiters ti pone queste tre domande: come risponderesti?

Personalmente associavo il concetto di “moda” con quello di “trend” e il concetto di “lusso” con qualcosa di “costoso”, ma non è del tutto vero.

La Moda può essere definita come un modo per mostrare chi sei, l’abilità di creare tendenze che altre persone potrebbero seguire oppure potresti definirlo come un modo per sentirti te stessa/o.

Qualcun altro potrebbe definire questo concetto da un punto di vista economico, come un enorme business composto da tanti soggetti e meccanismi complessi.

E tutti potrebbero avere ragione.

Il Lusso è un concetto differente.

DI solito è associato al prezzo: “prezzo alto, qualità alta”. Ma si tratta di qualcosa di più che una mera questione economica, infatti il lusso ha molto a che fare con l’esclusività, la selettività, qualcosa che tutti vogliono.

Siamo tutti d’accordo sul fatto che il lusso non è una necessità, riguarda più il soddisfacimento del bisogno di comfort.

A differenza della moda, il lusso è qualcosa che dura, un’esperienza senza tempo.

Quindi anche se questi due concetti potrebbero essere confusi, in realtà appartengono a due mondi separati, che sicuramente camminano insieme.

E tu? Come risponderesti a queste domande?

Se ti è piaciuto l’articolo, lascia un commento e condividi :).

Francesca

“Alcuni pensano che il lusso sia l’opposto della povertà.

Non lo è. E’ l’opposto della volgarità”

Coco Chanel
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: